home | contattaci 

 









































Privacy Policy ex Direttiva 2009/136/CE
Visualizza

browser compatibili
risoluz. minima 1024x768


 

All’inizio degli anni ’80, il Comune di Genova, preso atto da un lato dell’insoddisfacente funzionalità del sistema di trasporto pubblico, alla luce anche dell’abnorme utilizzo del mezzo privato da parte dei cittadini, optò per una progressiva reintroduzione di una linea di tram, questa volta in sede dedicata per non essere penalizzata dal traffico privato urbano. A questo scopo, nel febbraio 1982 viene chiusa la galleria Certosa per i necessari lavori di adeguamento strutturale e funzionale. Tuttavia esigenze legate alla sicurezza e a motivi ambientali portarono, insieme con la concessione per la tratta Rivarolo-Principe (1983), all’individuazione della prima tranche dei lavori nell’antico percorso attraverso la galleria di Certosa, in quanto tale percorso, successivamente alla soppressione dei tram e all’eliminazione dei binari all’interno del tunnel, veniva all’epoca effettuato con autobus, con le conseguenti problematiche facilmente intuibili. Il primo lotto dei lavori veniva consegnato ad Ansaldo, concessionario del Comune, nel 1986.

Il Comune riteneva quindi di collegare, attraverso la Galleria di Certosa, il quartiere di Rivarolo con la stazione Principe attraverso una linea tramviaria di superficie, sia pure in sede dedicata. Nella seconda metà degli anni Ottanta, tuttavia, l’esiguità degli spazi disponibili (una costante a Genova), lo studio più approfondito dei luoghi e delle opportunità di utilizzo di infrastrutture esistenti (come i magazzini e gli spazi sottostanti Via Buozzi) e di interazione con altri vettori (ferrovia, nell’ottica del coordinamento fra AMT e FFSS nello sviluppo di una ferrovia metropolitana), ma soprattutto i generosi finanziamenti pubblici legati ai Mondiali di Calcio del 1990 e all’ expò colombiana del 1992, portarono il Comune ad optare per la realizzazione di una metropolitana leggera (cioè con banchine lunghe non 100, ma 80 m, e con carrozze di ridotte dimensioni - erano già state ordinate, infatti, le carrozze di prima generazione tuttora in uso) con percorso interamente sotterraneo nel centro cittadino, realizzato sfruttando il più possibile infrastrutture e spazi già esistenti, ma non utilizzati o sottoutilizzati.

Nel 1988 fu così firmata la concessione per la tratta Principe-Brignole, che si pensò di realizzare sfruttando parzialmente l’esistente e inutilizzata Galleria delle Grazie (nel tratto della stessa compreso fra Via della Marina e la parte terminale di Via Roma). Nel 1990 venne consegnata la prima tratta della metropolitana, lunga 2.600 m (quella che sfrutta in massima parte l’esistente tracciato della galleria di Certosa, pur con importanti lavori di riadattamento) e furono aperte le prime due stazioni: Brin e Dinegro. Nel 1992, in coincidenza con l’inaugurazione dell’esposizione colombiana presso il Porto Antico ridisegnato da Renzo Piano, fu aperto il tratto Dinegro-Principe (660 m), con la stazione terminale della tratta costruita nelle viscere di Piazza Principe, nei pressi della soprastante stazione ferroviaria e accanto alla stazione ferroviaria Principe sotterranea, dedicata al traffico ferroviario locale e metropolitano. Il periodo successivo allo scandalo passato alla storia come Tangentopoli vide una lunga, sostanziale stasi dei lavori di prolungamento della metropolitana genovese dovuti a perplessità dell’Amministazione in carica al tempo in merito all’utilità effettiva del progetto, oltre all’esiguità dei finanziamenti disponibili e a problemi di natura giuridica sorti in seguito alla mutata normativa regolatrice dei pubblici appalti.

Nel 1998, insediata una nuova Amministazione Comunale e risolti i problemi di cui sopra, furono consegnati al concessionario i lavori per il completamento dei lavori Principe-Caricamento-Grazie, che - interrotti per oltre un anno fra il 1999 e il 2000 - portarono nel 2003 all’inaugurazione delle stazioni Darsena e San Giorgio.
Nel 2000, grazie ai finanziamenti per il vertice G8 previsto per il 2001, furono consegnati i lavori per la realizzazione al grezzo della stazione di piazza De Ferrari; nello stesso anno, furono consegnati i lavori per la tratta Caricamento-Sarzano, cui seguì, all’inizio del 2001, la consegna dei lavori per la tratta Sarzano-De Ferrari. Fu questo il periodo in cui la metro sembrò davvero rivivere.
Come detto prima, nell'estate del 2003 vennero inaugurate le stazioni di Darsena, prossima al polo universitario umanistico e all’area di più recente ristrutturazione del Porto Antico, e San Giorgio (a servizio del Porto Antico, dell’Acquario, del cuore del rinnovato Centro Storico cittadino (grandi interventi di ristrutturazione e pedonalizzazione di Via San Lorenzo, 2000-01).

Nell’inverno 2005 fu inaugurata la grandiosa stazione di Piazza De Ferrari, che porta la metropolitana nel cuore di Genova, e nella primavera del 2006 fu aperta la stazione di Sarzano-Sant’Agostino, posta fra De Ferrari e San Giorgio, e che serve l’area più antica del Centro Storico di Genova, il cui recupero urbanistico è sostanzialmente completato, e che ospita la Facoltà di Architettura, un importante teatro, il museo di cui reca il nome e numerosissimi locali e ristoranti sorti negli ultimi dieci anni per lo svago e il divertimento dei Genovesi del terzo millennio. Dal marzo 2006 sono in corso i lavori di realizzazione della tratta  De Ferrari -  Brignole e  la conclusione dell'opera è stimata  per l'anno 2012, anche se la stazione di Corvetto non sarà per il momento realizzata. Nel dicembre 2012 è stata aperta la tratta De Ferrari - Brignole.


© www.metrogenova.com. Tutti i diritti riservati. È vietato riprodurre il contenuto di questo sito senza autorizzazione.
Associazione Metrogenova C.F. 95114670102