Impianti speciali

Reti e mezzi

Ascensore di Quezzi

Inaugurato l'8 maggio 2015, l’ascensore inclinato di Quezzi collega Via Pinetti a Via Fontanarossa con fermata intermedia in Via Portazza: la portata è 1875 kg (25 persone), corsa totale: 130,53 metri e tempo di percorrenza 90 secondi. La corsa è a pendenza variabile con le seguenti caratteristiche: primo tratto inclinato 44,13° lunghezza 27,14 metri, secondo tratto inclinato 30,33° lunghezza 55,22 metri ed arco di raccordo 48,17 metri. La doppia pendenza rappresenta un’innovazione a livello nazionale per quanto riguarda ascensori inclinati ad uso pubblico. Questa particolare tecnologia ha premesso di limitare gli scavi e di ridurre conseguentemente i costi per la realizzazione dell’impianto. Il sistema per mantenere in posizione orizzontale della cabina è realizzato per mezzo di una guida ausiliaria fissa, la quale segue un andamento curvilineo studiato per ottenere l’assetto orizzontale costante della cabina al variare dell’inclinazione della via di corsa. Il comando del cambio di pendenza è portato da valle a monte del carrello della cabina, riducendo l’impatto estetico della terza guida, realizzabile quindi ad altezza minore.

  • L'ascensore visto da via Pinetti
  • Ingresso
  • Ascensore in arrivo nella parte non accessibile al pubblico
  • Ascensore in salita verso via Fontanarossa
  • Via di corsa
  • Ascensore presso via Fontanarossa
  • Scale di sicurezza
  • Centro di controllo
  • slider css
  • Cavi di trazione
jquery image slider by WOWSlider.com v8.1m

La cabina è collegata a tale guida per mezzo di un carrello aggiuntivo montato su un braccio infulcrato all’asse di rotazione della stessa. Il variare della distanza tra la via di corsa e la guida ausiliaria comporta un movimento di traslazione del carrello che viene trasformato in una rotazione della cabina, proporzionale alla variazione dell’inclinazione della via di corsa. Questo sistema è completamente meccanico e funziona senza fonti di energia esterna. È previsto un sistema di controllo tramite un contatto a mercurio che e blocca l’impianto nel caso di inclinazioni anomale. Tutta la componentistica è stata selezionata per ridurre consumi e l’impatto acustico durante il funzionamento. L’impianto è dotato di pannelli fotovoltaici per l’alimentazione dell’illuminazione di cabina e la ventilazione e la cabina è illuminata con led a basso consumo energetico. Alle banchine è prevista la diffusione sonora e pannelli a messaggi variabili per l’informazione del pubblico.

Se vuoi ulteriori informazioni, ti invitiamo a leggere l'articolo sulla visita all'impianto effettuata da Metrogenova e Cifi in anteprima assoluta, prima della messa in esercizio:
Magazine 16

Torna all'elenco degli impianti speciali

Condividi questa pagina su: